Informazioni generali

Sedi di  via Paolini e di via Olivieri

trenoLinea Metropolitana Roma-Lido di Ostia

orariotreni

  • Stazione Lido Nord
  • Stazione Lido Centro

autobus

CO.TRA.L.

  • Linea Fiumicino (Darsena) - Ostia
    fermata cavalcavia pedonale (via delle Canarie)

autobus smallATAC

  • Linee 05b - 010 - 06 Scuola
  • Linea 04 fermata cavalcavia pedonale (via delle Canarie)
  • Linee 06 - 14 Casalpalocco - Infernetto - Staz. Lido Centro
 

Sede di via da Garessio

trenoorariotreniLinea Metropolitana Roma-Lido di Ostia

  • Stazione Acilia

 

autobus smallATAC

  • Linee 04b - 08 - 016

 

ico-mapMappa dei trasporti di Ostia Lido e dintorni

Linea
Tragitto
01
autobus small
Stz. Lido Centro, v. V.Vannutelli, p. stz.Vecchia, c. Duca di Genova, p. M.V. Agrippa, v. G. Vincon, p. L. Gasparri, v. G. Avegno - p. L. Gasparri (rit. p. L. Gasparri, v. G. Vincon ecc.).
03
lg. G. Bertolla, v. Saponara, v. Macchia Saponara, Rimessa ATAC Acilia, v. Saponara, v. Macchia Palocco, v. Macchia Saponara, v. Saponara, lg. G. Bertolla.
04
Stz. Lido Centro, pz. Stazione Vecchia, pl. Posta, vl. Romagnoli, v. Acilia, v. Prato Cornelio, v. Saponara, pz. Segantini, lg. R. Villani.
04 B
Stz. Acilia, v. Ostiense, vl. Romagnoli, v. Madre Colomba Gabriel - vl. Romagnoli, v. F. Donati (rit. v. C. Casini) - Via Bagnoletto, v. Dragone.
05
v. Mar Rosso, v. Fiamme Gialle, p. E. Millo, Stz. Lido Centro, vl. Vasco de Gama, vl. Repubbliche Marinare, v. D. Baffico.
05 B
v. Mar Rosso, vl. Promontori, p. G. Ronca, Stz. Lido Centro, Pl. Posta, c. Duca di Genova, v. Velieri, v. Casana, v. A. Carabelli, v. Ebridi.
06
Stz. Lido Centro, p. G. della Rovere, v. Pineta di Ostia, l.mare L. Catulo, v. C. Colombo, v. Canale della Lingua, vl. Castel Porziano, v. E. Wolf Ferrari, v. Macchia Saponara, v. Menippo.
07 B
pl. A. Vespucci (st. C. Colombo), v. Litoranea fino altezza km. 7,030.
08
v. Monti di San Paolo, vl. Romagnoli, v. Acilia, v. Saponara, v. Macchia Saponara, v. Casal Palocco, vl. Alessandro Magno, p. Antifane.
09
Stz. Vitinia (lg. Castel Bolognese), v. S.Arcangelo di Romagna, v. Sarsina,v. Minerbio (rit. v. Minerbio, v. S.Arcangelo di Romagna, v. Sarsina, stz.Vitinia.
010
Lido Centro, p. G. Ronca, v. Capo Spartivento, vl. Promontori, v.Fiamme Gialle, v. Mar dei Coralli, v. Pescatori, v. Quinqueremi, vl. Pineta di Ostia, c. Duca di Genova.
011
p. Umberto I, vl. Romagnoli, v. G. Fiorelli, v. Collettore Primario, v. G.Torremuzza, vl. Romagnoli, v. Mare, v. Stz. Ostia Antica, vl. Romagnoli, p. Umberto I.
012
v. Saracena (Centro Giano), v. Albi, v. Ostiense, vl. Romagnoli, lg. Cesidio da Fossa, vl. A. Ruspoli, v. V. Petra.
013
v. L. Mellano, v. Acilia, p. S. Leonardo da Porto Maurizio, v. Daniele da Samarate, v. F. Landi, v. E Garra, v. G. Scartazzini, v. Pavullo nel Frignano v. B. Daniello, v. E: Garra (rit. v. E.Garra, v. F. Landi, v. Daniele da Samarate ecc.).
014
pz. Antifane, v. Casal Palocco, v. C. Colombo, v. Villa di Plinio, v. Castel Fusano, v. Pescatori, v. Mar Rosso, v. Fiamme Gialle, pz. E. Millo, stz. Lido Centro, vl. Vasco de Gama, vl.vl. Repubbliche Marinare, v. Idroscalo.
015
v. Mar Rosso, v. Fiamme Gialle, pz. E. Millo, stz. Lido Centro, vl. Vasco de Gama, vl. Repubbliche Marinare, v. Idroscalo.
016
v. Monti di S. Paolo, v. Romagnoli, v. Acilia, v. F. Menzio, v. Macchia Saponara, v. Casal Palocco, v. Alessandro Magno, pz. Antifane.
018
pz. Umberto I, v. Chigi, v. Micali, v. F. Bazzini, v. A. Chigi, v. Fosso di Dragoncello, v. Pescatori, v. Castel Fusano, stz. Ostia Antica, vl. Romagnoli, pz. Umberto I.
061
Stz. Lido Centro, p. Giuliano della Rovere, vl. Pineta di Ostia, v. Quinqueremi, lmr. L. Catulo, pl. C. Colombo, pl. A. Vespucci, v. Litoranea, vl. Po (Torvaianica), v. Litoranea alt. km. 10,030 (rit. v. Litoranea, pl. A. Vespucci ecc.).
062
stz. Lido Centro, p. Stz Vecchia, vl. Marina, lmr P. Toscanelli, lmr Duilio, lmr L. Catulo,pl. C. Colombo, pl. A. Vespucci (stz C. Colombo), v. Litoranea, v. Litoranea (ex Dazio).
079
Stz. Lido Centro, v. V. Vannutelli, p. Stz. Vecchia, v. Baleniere, vl. Romagnoli, v. Ostiense, Cimitero Flaminio.

L’attività educativa dell’istituto è finalizzata alla formazione integrale della persona attraverso un insieme di relazioni e di rapporti che favorisca la crescita comune di docenti, studenti, genitori e di tutto il personale scolastico. Ci si propone dunque di costruire un clima di forte motivazione al lavoro e di cooperazione di tutte le componenti che renda ognuna di esse parte attiva del processo formativo e del rapporto educativo.

In una società complessa, soggetta a continui mutamenti sociali e lavorativi, l’attività educativa dell’Istituto si prefigge di essere sempre più polivalente, attenta ad un continuo rinnovamento didattico che tenga conto anche della realtà territoriale e rispondente alle esigenze di una preparazione orientata verso l’acquisizione di abilità intellettuali funzionali allo sviluppo di capacità e competenze utili alla prosecuzione degli studi universitari, nel mondo del lavoro, nei rapporti con le istituzioni civili e nei rapporti sociali e interpersonali, in un contesto sia locale che nazionale e internazionale.

Tali finalità possono essere ricondotte ai seguenti ambiti:

Etico-Civile

  1. Formare l’uomo e il cittadino educandolo al rispetto degli altri, dell’ambiente in cui vive alla consapevole accettazione delle responsabilità civiche e all’osservanza delle leggi.
  2. Coltivare la coscienza che l’appartenenza al proprio Paese non è ostacolo, ma presupposto di piena adesione alla Comunità europea e mondiale, che esige impegno concreto per la pace e la solidarietà tra i popoli.
  3. Sviluppare il senso di responsabilità e la formazione di un quadro stabile di valori sociali, quali l’uguaglianza, la giustizia, la libertà e la solidarietà.
  4. Lottare contro ogni forma di pregiudizio e di acritico conformismo per superare preclusioni mentali, posizioni preconcette e resistenza al cambiamento
  5. Sostenere il processo di transizione all’età adulta, promuovendo la capacità di assumere decisioni in modo autonomo e responsabile. 
  6. Promuovere la coscienza del valore del lavoro e dello studio come elementi fondanti della convivenza

Cognitivo

  1. Sviluppare le capacità di analisi e sintesi.
  2. Acquisire i sistemi concettuali e simbolici con i quali interpretare se stessi e la realtà.
  3. Conseguire i sistemi di organizzazione logica ed espressiva dell’esperienza personale e culturale.
  4. Comprendere la storia dell’umanità attraverso la storia del pensiero.
  5. Rendere consapevoli della complessità del reale, superando gli stereotipi culturali che ostacolano la comunicazione e la convivenza civile.
  6. Formare al sapere scientifico attraverso la riflessione sui fondamentali metodi e valori della conoscenza scientifica. 
  7. Riconoscere percorsi individualizzati che valorizzino le singole personalità. 
  8. Promuovere l’interculturalità attraverso lo studio di lingue, civiltà e letterature 

Socio-affettivo e psico-fisico

  1. Educare i giovani al rispetto delle persone, delle cose e del proprio corpo specialmente nelle scelte che hanno conseguenze sulla salute nel senso ampio del termine.
  2. Educare all’accettazione dell’altro e alla valorizzazione delle diversità. Promuovere la  consapevolezza delle pari opportunità e il superamento delle diversità di genere
  3. Disponibilità a ricevere e formulare critiche e suggerimenti.
  4. Favorire un corretto senso dell’autostima.
  5. Sviluppo armonico e consapevole della propria personalità favorendo un equilibrio fisico,  psicologico e relazionale.
  6. Promuovere la capacità di relazionarsi e di interagire con la realtà sociale, economica e produttiva.
  7. Promuovere azioni educative per la risoluzione dei conflitti bandendo ogni forma di violenza

entrata

Il Liceo “F. Enriques” è il primo Liceo Scientifico sorto sul territorio e la sua storia si intreccia con quella del rapido ed intenso sviluppo del Municipio.

Nato come succursale del Liceo “Cannizzaro”, l’Istituto ha acquisito l’autonomia in data 01/10/1967.

Nel nostro Liceo ci sono attualmente due Corsi di studio, lo scientifico e il linguistico; le attività educative dell’Istituto puntano alla crescita armonica dell’individuo e del cittadino, attraverso una serie di rapporti che coinvolgono insegnanti, studenti, genitori e tutto il personale della scuola, e alla promozione della cultura scientifica e umanistica oltre che delle competenze linguistiche. La cultura scientifica e umanistica ed un approccio scientifico e critico al sapere sono un prerequisito fondamentale per il funzionamento di una società moderna, democratica, tecnologicamente e politicamente complessa. Una coscienza europea si raggiunge anche attraverso lo studio delle quattro lingue europee che sono al momento insegnate nel Liceo. In una società che si modifica rapidamente, la scuola deve mantenersi al passo con i cambiamenti della metodologia didattica e con pratiche pedagogiche innovative; l’uso della tecnologia contribuisce a promuovere abilità e competenze indispensabili per il proseguimento degli studi o l’accesso al mondo del lavoro.

L’interesse posto dal Collegio Docenti per lo studio delle lingue e civiltà straniere, ha portato, qualche decennio fa, all’istituzione di un LICEO LINGUISTICO SPERIMENTALE, subito approvato dal MIUR, poi assimilato ad analoghe sperimentazioni in campo nazionale, infine passato a Ordinamento nell’a.s. 2010-11. Questa scelta, innovativa e coraggiosa, era aperta alle lingue europee e anche extraeuropee.

Da anni ormai è curato l’aspetto delle CERTIFICAZIONI, valide in ambito europeo, delle lingue francese, inglese, spagnola e tedesca. L’accesso a corsi ed esami è aperto, in orario extracurricolare, a tutti gli studenti. E’ anche coltivato da anni il LABORATORIO TEATRALE in lingua, attivato 25 anni fa per l’inglese, e poi realizzato per tutte le culture linguistiche. Attività che permette di coniugare obiettivi di competenza linguistica e di espressività artistica.
Oltre allo studio, svolto in classe al mattino, della lingua e delle culture francese, inglese, spagnola e tedesca, e alle varie attività pomeridiane, sono stati anche organizzati, nel corso degli anni:

  • numerosi GEMELLAGGI con scuole superiori europee (Spagna, Francia e Germania), che hanno dato luogo a scambi di gruppi classe;
  • stage linguisstici con Francia e Spagna
  • Su questo terreno di iniziative consolidate e di esperienze acquisite, si fonda l’impostazione di una rinnovata progettazione europea.

Il modello culturale formativo dell’Istituto costituitosi nel corso degli anni si è ispirato ai seguenti

PRINCIPI FONDAMENTALI:

  • Il diritto all’istruzione e all’educazione deve essere garantito a tutti in modo tale da escludere ogni forma di discriminazione;
  • l’imparzialità, l'obiettività, la regolarità e la continuità dell'azione educativa;
  • l'accoglienza dei genitori e degli alunni, soprattutto nella fase di ingresso delle classi iniziali e nelle situazioni di rilevante necessità, con opportune e adeguate azioni di tutti gli operatori scolastici 
  • l'integrazione degli studenti in situazione di particolare difficoltà (studenti lavoratori, stranieri, portatori di handicap, ecc.);
  • la libertà di scelta tra le istituzioni scolastiche, la prevenzione e il controllo dell’evasione e della dispersione scolastica;
  • la realizzazione di attività extrascolastiche e parascolastiche, che contribuiscano a rendere la scuola centro di promozione culturale, sociale e civile;
  • la trasparenza delle informazioni, la semplificazione delle procedure, l'efficienza, l'efficacia e la flessibilità nell’attività didattica e nei servizi amministrativi, al fine di assicurare livelli qualitativi ottimali;
  • l’aggiornamento e la formazione, intesi come diritto-dovere per tutto il personale scolastico e compito per l’amministrazione;
  • il riconoscimento della libertà di insegnamento e la valorizzazione professionale delle diverse opzioni metodologiche presenti tra i docenti e la formazione globale dell'alunno nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e comunitari recepiti nei piani di studio di ciascun indirizzo. 

L’obbligo di istruzione rappresenta in un certo senso la base alla quale si riferiscono gli ordinamenti del primo e del secondo ciclo, necessaria a tutti gli studenti per proseguire con profitto i loro studi. Gli obiettivi didattici per il biennio vanno riferiti ai diversi assi culturali (asse dei linguaggi, asse matematico, asse scientifico-tecnologico, asse storico-sociale) che definiscono i saperi e le competenze, articolati in conoscenze e abilità, come previsto dall’allegato 1 del Decreto del 22 agosto 2007 (Regolamento recante norme in materia di adempimento dell’obbligo d’istruzione), entro il quadro di riferimento rappresentato dalle competenze di cittadinanza, in accordo con le indicazioni dell’Unione Europea (cfr. Quadro Europeo dei titoli e delle qualifiche - EQF).

Conoscenze

  1. Conoscere e comprendere i contenuti fondamentali di ogni disciplina e quelli trasversali
  2. Conoscere i termini specifici delle singole materie

Competenze

  1. Scrivere brevi relazioni o semplici componimenti in modo grammaticalmente e sintatticamente corretto
  2. Esprimersi con un linguaggio semplice ma corretto e appropriato
  3. Utilizzare consapevolmente tecniche e strumenti
  4. Individuare i punti fondamentali di un testo ed esporne i punti significativi

Capacità

  1. Trarre conseguenze logiche da premesse date, sulla base delle proprie conoscenze
  2. Analizzare un testo, un disegno, un manufatto individuandone gli elementi fondamentali
  3. Organizzare e utilizzare le conoscenze acquisite per la risoluzione di semplici problemi e la stesura di brevi relazioni, nei vari ambiti disciplinari
  4. Collegare argomenti della stessa disciplina o di discipline diverse e coglierne le relazioni semplici.

Il suddetto regolamento prevede la certificazione di capacità, conoscenze e competenze raggiunte dagli studenti al termine del periodo dell’obbligo di istruzione (10 anni) nelle istituzioni scolastiche e nelle strutture formative accreditate dalle Regioni (art. 4, comma 3).

Tale certificazione vorrebbe rappresentare uno strumento per sostenere e orientare gli studenti nel loro percorso di apprendimento sino al conseguimento di un titolo di studio o di una qualifica per orientare al mondo del lavoro.

Le finalità generali che ispirano la progettazione europea nel nostro Liceo sono fondamentalmente:

• Il miglioramento della comunicazione in lingua comunitaria (prioritariamente l’inglese) da parte degli studenti, ma anche dei docenti e del personale, in ambiti oggettivi e non simulati, e dunque in ambiti riferiti al proprio contesto di studio o di lavoro
• L’acquisizione di una coscienza europea e del senso di appartenenza ad una comunità sovranazionale, attraverso il vissuto di esperienze comuni e di specifiche relazioni culturali tra enti e tra persone.

E si riconducono, analizzando il “Quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell’istruzione”, a più di una delle strategie concordate dall’Europa, quali ad esempio:

• Migliorare la qualità e l'efficacia dell'istruzione e della formazione: tutti i cittadini devono essere in grado di acquisire le competenze fondamentali, quali “la comunicazione in lingua straniera” e “imparare ad imparare”;

• Incoraggiare la creatività e l'innovazione, a tutti i livelli dell'istruzione e della formazione: promuovere l'acquisizione di competenze trasversali da parte di tutti i cittadini e garantire il buon funzionamento del triangolo della conoscenza (istruzione / ricerca / innovazione).

Come deliberato dagli Organi Collegiali, il calendario delle lezioni per l’anno scolastico 2021/22 è determinato come segue: 

  • 13 Settembre 2021: inizio delle lezioni; 
  • 1° Novembre 2021: festività di Ognissanti; 
  • 8 Dicembre 2021: festività dell’Immacolata Concezione; 
  • dal 23 Dicembre 2021 al 6 Gennaio 2022: vacanze natalizie; 
  • 7 Gennaio 2022: sospensione delle lezioni; 
  • 28 Febbraio – 1° Marzo 2022: sospensione delle lezioni; 
  • dal 14 al 19 Aprile 2022: vacanze pasquali; 
  • 25 Aprile 2022: festa della Liberazione; 
  • 1° Maggio 2022: festa del Lavoro; 
  • 2 Giugno 2022: festa della Repubblica; 
  • 8 Giugno 2022: termine delle lezioni.