AVVISO AI GENITORI CLASSI PRIME A.S. 2020/2021

new iconENTRO L’8 LUGLIO 2020 DOVRA’ PERVENIRE LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE ESCLUSIVAMENTE ON-LINE IN UNO O PIU’ FILE ALL’INDIRIZZO: didattica.enriques@gmail.com

 

  • SCHEDA DI ISCRIZIONE COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI (link al documento)

  • CERTIFICATO LICENZA MEDIA

  • CERTIFICATO VACCINAZIONI 

  • FOTOCOPIA DOCUMENTO E TESSERA SANITARIA ALUNNO

  • VERSAMENTO CONTRIBUTO VOLONTARIO DI € 50,00 DA EFFETTUARE DIRETTAMENTE SULLA PIATTAFORMA “PAGO IN RETE” DEL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE ACCEDENDO CON LE STESSE CREDENZIALI UTILIZZATE PER LE ISCRIZIONI ON-LINE OPPURE CON SPID

Inoltre per i soli alunni che non hanno compiuto 14 anni all’inizio dell’anno scolastico

  • AUTORIZZAZIONE USCITA AUTONOMA SCUOLA (link al documento)

  • FOTOCOPIA DOCUMENTO GENITORI

Si prega di prestare particolare attenzione alla compilazione della scheda di iscrizione. 

Home

Applicazione dell’O.M. n. 11 del 16/05/2020. Norme per la valutazione finale per le classi prime, seconde, terze e quarte.

Si comunica che il Ministro dell’istruzione, con l’ordinanza in oggetto, ha disciplinato le modalità per la valutazione delle studentesse e degli studenti, per le classi diverse dall’ultima.

La presente circolare ha lo scopo di fornire ai docenti, agli studenti e alle loro famiglie le modalità applicative dell’ordinanza, in modo da uniformare i comportamenti fra i diversi consigli di classe. Si precisa che quanto segue non trova applicazione per gli studenti dell’ultimo anno, per i quali si prega di consultare la circolare specifica.

 

Si evidenzia, per gli studenti del terzo e quarto anno, la scadenza del 25 maggio 2020 per trasmettere al docente coordinatore della propria classe la documentazione relativa al credito scolastico.

1. Principi generali della valutazione finale.

La valutazione finale, in via generale, segue i consueti principi e quindi il testo dell’ordinanza ministeriale è compatibile col Regolamento per le attività di didattica a distanza della nostra scuola.

I consigli di classe, pertanto, valuteranno gli studenti in decimi in ogni singola disciplina, seguendo gli ordinari criteri di valutazione e tenendo nel debito conto tutto il percorso dell’anno scolastico: risultati del primo trimestre e risultati del pentamestre, prima e dopo la sospensione delle attività.

Ciascun consiglio di classe avrà cura di non penalizzare gli studenti che, per difficoltà a loro non imputabili, non abbiano potuto seguire le lezioni a distanza adeguatamente; tale possibilità è peraltro residuale, dal momento che l’Istituto ha fornito tablet/PC e connessione a tutti gli studenti che ne hanno fatto richiesta.

2. Ammissione alla classe successiva.

In deroga alle norme vigenti, gli studenti saranno ammessi alla classe successiva anche in presenza di valutazioni insufficienti in una o più discipline (in ipotesi, anche in tutte). La non ammissione alla classe successiva è prevista solo in due casi:

  1. a)  studenti per i quali il consiglio di classe non disponga di alcun elemento di valutazione, per mancata o sporadica frequenza delle attività didattiche. Tale circostanza deve risultare dallo scrutinio del primo trimestre e non deve essere la conseguenza di mancata partecipazione alla didattica a distanza, se questa deriva da difficoltà oggettive;

  2. b)  studenti che abbiano commesso gravi infrazioni disciplinari, per le quali il Regolamento di Istituto prevede l’insufficienza nel voto di comportamento.

3. Recupero delle carenze.

Gli studenti che saranno ammessi alla classe successiva riportando insufficienze in una o più discipline, sono tenuti a recuperare le carenze riportate nel primo trimestre dell’anno scolastico 2020/21, con eventuale proseguimento per l’intero anno scolastico. Le modalità di tale recupero saranno stabilite dai consigli di classe, secondo criteri generali deliberati dal Collegio dei docenti.

Nel frattempo, il consiglio di classe è comunque tenuto, per tutti gli studenti che riporteranno debiti, a predisporre un Piano di apprendimento individualizzato, indicando per ciascuna disciplina gli obiettivi di apprendimento da conseguire e le relative strategie per il loro raggiungimento. Tale Piano deve essere allegato alla valutazione finale. Inoltre, è compito del consiglio di classe individuare le parti di programma non svolte rispetto alla programmazione iniziale e da inserire in una nuova progettazione didattica.

Al fine di semplificare gli adempimenti, i docenti, entro i due giorni precedenti allo scrutinio, inseriranno le loro proposte di voto sul registro elettronico, avendo cura di compilare, in caso di insufficienza, la colonna “Scheda carenza”, nella quale vanno indicate, nei campi predisposti, le carenze rilevate, gli obiettivi da conseguire, gli esercizi, argomenti, compiti e attività da svolgere, il metodo di lavoro e la motivazione della carenza. I restanti campi non vanno compilati.

La scheda carenze può ovviamente essere compilata anche in presenza di una votazione sufficiente, per evidenziare eventuali parti del programma non svolte o che è necessario consolidare.

La definizione delle modalità di recupero delle carenze durante l’anno scolastico 2020/21 sarà stabilita successivamente, anche in relazione a eventuali indicazioni ministeriali.

4. Attribuzione del credito scolastico per gli studenti del terzo e quarto anno.

Per attribuire il credito scolastico, poiché gli scrutini si svolgeranno a distanza per via telematica, non è necessario il deposito cartaceo in segreteria degli attestati. Gli studenti faranno pervenire al docente coordinatore della propria classe la documentazione e/o le dichiarazioni necessarie all’attribuzione del credito, entro e non oltre il 25 maggio 2020. I docenti coordinatori, dal canto loro, riferiranno al consiglio di classe sulle attività svolte dagli studenti ai fini dell’attribuzione della fascia. Gli attestati pervenuti saranno trasmessi dai docenti coordinatori alla segreteria studenti, che provvederà ad archiviarli.

Come è noto, la presenza di uno o più debiti preclude l’attribuzione della fascia massima. Inoltre, quest’anno è possibile che alcuni studenti riportino una media inferiore a sei decimi, conseguendo così soltanto 6 crediti scolastici.

Da tenere presente che il PTOF della scuola prevede, per gli studenti con giudizio sospeso, l’attribuzione della fascia massima (sempre che sussistano gli altri requisiti previsti) se i debiti vengono tutti recuperati con la votazione di sette decimi. Tale disposizione non potrà ovviamente avere applicazione quest’anno scolastico; tuttavia, l’ordinanza ministeriale prevede che il consiglio di classe, in sede di scrutinio finale dell’anno scolastico 2020/21, possa integrare il credito scolastico secondo criteri che saranno stabiliti dal collegio dei docenti.